La Running club Maratona di Roma informa che questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili, anche di terze parti.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente acconsente l'uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Notizie sportive flash

Cerca nel sito

Pubblicità

Spazio pubblicitario

Pubblicità

>

NOTIZIE, VIDEO ED IMMAGINI NEL MONDO DEL RUNNING

SERGIO AGNOLI
Capitano del Running Club “Maratona di Roma”
Cavaliere dell’Ordine al merito della Repubblica Italiana
Roma, 27 dicembre 2003. Di iniziativa del Presidente della Repubblica

LEGGI TUTTO

Acea Maratona di Roma 2016: 10 mila iscritti

La Corsa di Miguel

31 gennaio 2016

Gazebo grande per provvedere meglio alla distribuzione, a cura dell’immancabile Ugo Cannata, del vestiario per coloro che ancora non avevano avuto la possibilità di prenderlo, in una giornata dal cielo coperto ma calda che ha reso più piacevole la partecipazione alla gara.

La prima edizione della Corsa di Miguel è stata il 9 gennaio del 2000, data in cui ricorreva un evento del 1978, allorquando Miguel Sanchez, podista e poeta argentino, venne rapito da un commando paramilitare e non fece più rientro come tanti altri desaparecidos vittime della dittatura. Questa Corsa, particolarmente partecipata, nacque dall’idea di Valerio Piccioni, giornalista della Gazzetta dello Sport, in collaborazione con il Club Atletico Centrale e l’Assessorato alle Politiche Sportive del Comune di Roma, la prima edizione della corsa vide alla partenza poco più di 1500 appassionati. Quest’anno grande affluenza di partecipanti che ha fatto toccare il record: 5.198 iscritti dei quali 56 della Nostra squadra, partecipanti 52.

Primo il solito ottimo Giulio Lorenzo in 30’47”, ventinovesimo nella classifica assoluta e sesto in quella di categoria. A seguire Emanuele Kirieleison, Khalil Hussain, Ennio Radicetta, Giorgio Tempio, Riccardo Cinotti, Jumpei Tachikawa, Flavio D’Amore, Mario Recchia, Mario Labricciosa, Massimo Pellino, Nazareno Santantonio, Marco Taffoni, Stefano Di Mambro, Giuseppe Minnicelli, Fabio Penso, Vincenzo Rondinelli, Angelo Pacifici, Aldo Tonielli, Domenico Iscaro, Stefano Parisi, Luigi Duranti, Guglielmo Olivieri, Carmelo Lombardo, Riccardo Antonini, Angelo Rossetti, Andrea Montauti, Elisabetta Massaro, Davide Mula, Marina Pellegrini, Patrizio Panimolle, Stefano Militello, Maurizio Porcini, Marco Santagati, Enrico Testi, Alfredo Prestipino, Luca Di Mascio, Tiziana Rinaldi, Massimiliano Bologna, Silvano Carletti, Bruno Bernabei, Anna Cottatellucci, Fabio Gigli, Ugo Marchionni, Anita Pititto, Patrizia Clementi, Salvatore Granito, Paolo Muscas, Rinaldo Brunetti ed Emanuela Borruso.

La corsa si è snodata tra le strade del Foro Italico e in quelle del Flaminio a ridosso del Tevere con arrivo allo Stadio Olimpico. Per quanto riguarda il nuovo percorso si è attraversato il Parco del Foro Italico per poi portarsi su ponte Duca d’Aosta, Lungotevere Thaon de Revel, Ponte Milvio, la pista ciclabile, Lungotevere Cadorna, Lungotevere Diaz rientrando poi nel Parco del Foro Italico fino all’ingresso nell’Olimpico.  Il via alle 9,30 dal piazzale del ministero degli Esteri.

31 gennaio 2016

Merico Cavallaro

 *

24 gennaio, domenica di sport

Domenica di sport, con impegni ufficiali per la squadra di marcia e non ufficiali per la squadra di corsa, cui si viene a sommare la serata sociale.

Il freddo ha accolto i nostri podisti alla Tre comuni mentre io il freddo me lo sono beccato alla Farnesina per i lanci lunghi invernali. Ottima la prima uscita dei marciatori a Colleferro.

La Maratonina dei Tre comuni ha visto giungere all’arrivo 2296 podisti e otto di questi erano nostri portacolori: magnifico Giulio Lorenzo, straordinariamente DICIOTTESIMO assoluto, grandissimo anche Khalil Hussein 215ESIMO; Gerardo Serino, 891esimo; Mario Recchia, 1180esimo; Stefano Di Mambro, in posizione 1323; Massimo Pelino, 1494; Elisabetta Massaro, 1580; Enrico Testi, 1978; Monica Mullo, 2085; Valerio Basili, 2211. Tutti straordinari perché hanno saputo affrontare una gara che spezza le gambe, distanziando di oltre mezz'ora le ultime posizioni, quindi risultati rispettabili. Il percorso si snodava in salite e discese per una distanza di ventitré chilometri, con punte di freddo a -4 gradi a Nepi e salitone micidiale a Civita Castellana, come se non bastassero le famose salite che aveva il percorso classico.

Domenica fredda anche a Colleferro, dove, alle 11,45, si è tenuta la prima prova del Trofeo di marcia Lazio intitolato a Fulvio Villa, il tradizionale trofeo cui i nostri marciatori fanno sentire il loro peso: e quest’anno questo peso si presenta maggiore. Prima nella categoria SF55, Dominique Ciantar Lequio. Sebastiano Roncone primo SM55; terzo SM55 Massimo Fioresi; e quarto, sempre SM55 Giorgio Tempio. Antonio Ferro, SM65, terzo posto; quarto Paolo Muscas e, sempre stessa categoria, Rinaldo Brunetti. Mario Angelini primo della categoria SM70; seguito da Raimondo Smargiassi. Enrico Mariotti primo nella categoria SM80.

24 gennaio 2016

Merico Cavallaro

  *

XIX Trofeo Lidense

Il vento freddo e forte è stato la compagnia di una bella giornata di sole e di festa, festa aumentata anche del festeggiamento del compleanno di Tiziana Rinaldi che è stato giovedì scorso, il 14, con una ottima torta di cocco fatta da Khalil, sempre disponibile e capace di stupirci con cose nuove.

Il sole in una giornata fredda ti riscalda non solo con il suo tepore ma anche interiormente, contribuisce al clima effervescente di questo enorme fiume di gente. La partenza e i primi chilometri lungo il mare ci hanno regalato il primo tratto respirando l’aria del mare e la luminosità del cielo mentre il gruppo si è andato sgranando. Finito il terzo chilometro siamo entrati nella Pineta proseguendo su strada asfaltata fino al compimento del settimo chilometro, dopo abbiamo iniziato il percorrimento per un paio di chilometri di un percorso su terra e sassi e sabbia all’interno del vecchio circuito dell’autodromo, qualche chilometro sulla Cristoforo Colombo e di nuovo nella Pineta e rieccoci a costeggiare il mare per gli ultimi chilometri.

Dunque, gara di quindici chilometri, bella prestazione di Giulio Lorenzo primo dei nostri, nono nella classifica assoluta con (53’31”) che ha visto la partecipazione di 1580 podisti giunti all’arrivo. L’hanno seguito Emanuele Kirieleison, Khalil Hussein, Ennio Radicetta, Giorgio Tempio, Gino Piccioli, Mario Labricciosa, Salvatore Vecchio, Mario Recchia, Massimo Pelino, Fabio Valletta, Nazareno Santantonio, Stefano Di Mambro, Vincenzo Rondinelli, Stefano Parisi, Domenico Iscaro, Michele Manzo, Angelo Pacifici, Vanter Mancini, Sebastiano Roncone, Alfredo Prestopino, Marco Santagati, Andrea Montauti, Maurizio Porcini, Valerio Basili, Massimiliano Bologna, Merico Cavallaro, Bruno Bernabei, Angelo Rossetti, Ugo Marchionni, il vice decano della Squadra che ha gareggiato con in non buone condizioni.

Prima delle donne Marina Pellegrini, centosessantaseiesima per le donne, con 1h22’00”,  seguita da Monica Mullo, Tiziana Rinaldi, Anita Pititto.

17 gennaio 2015                                                                                                             

Merico Cavallaro

*

“Corri per la Befana” 2016

Esco di casa che è notte e piove a dirotto. Oggigiorno la gente dice: “Eh, non fanno più le previsioni come una volta!” Purtroppo, il tempo è sballato, con il clima tropicale che si sta formando anche qui il tempo può cambiare in maniera repentina, come fai a prevederlo?

L’anno scorso era una giornata di sole e freddina, un freddo secco, preferibile all’umidità di questa mattina, l’umidità da fastidio, ti entra nelle ossa, ti fa sudare, personalmente avrei preferito una giornata di sole e asciutta.

Oggi la gara è stata un po’ lenta, mi sembra, per tutti, sarà stato il clima natalizio, saranno stati gli ultimi giorni condizionati dalla pioggia che non ha permesso di allenarsi (perlomeno non regolarmente. Poi, il sottoscritto dopo il primo chilometro ha avvertito un buco allo stomaco e si è ricordato che da quattro ore non mangiava e non beveva e questa carenza di sali si è sentita). A parte, poi, il fatto che negli ultimi tre chilometri si è praticamente fatto trail, nel “Parco degli Acquedotti”, dove per evitare il fango, correre sull’erba intrisa di fango e acqua non è che ti agevoli. Il tratto in cui bisogna fare più attenzione, però, è quello tra il sesto e il settimo chilometro, parte di strada sporca di pietrisco e sconnessa, con qualche radice ogni tanto che emerge dal suolo: anche quest’anno qualcuno c’è caduto come negli anni precedenti, in cui non è mancato anche chi ha riportato delle fratture.

2239 partecipanti di 166 squadre diverse, Primo EMBAYE ELIYAS della Lbm sport. “Running ClubMaratona di Roma” si è classificata al 15° posto con 32 partecipanti.

Merico Cavallaro

 

 *


 



 



 

 

 

 

Notizie ultima ora

Prima pagina - Google News

Google News

Running Club maratona di Roma

Designed by Marco Taffoni 

Copyright © 2014. All Rights Reserved.

CSS Valido!